Allacciate le cinture di sicurezza

“C’è una forza motrice più forte del vapore , dell’elettricità e dell’energia atomica : la volontà”

 

Affrontato già l’argomento della sicurezza sul lavoro di quanto sia importante non morire sul lavoro.

Chiarito che la  sicurezza sul lavoro è la condizione di svolgere un’attività lavorativa senza  l’esposizione al rischio di incidenti o di contrarre una malattia professionale

 

 

 

Lo sai che fare prevenzione è importante in tanti settori della tua vita? Sai che potrebbe fare la differenza, fare prevenzione sulla tua salute? O che potrebbe salvarti la vita da un incidente improvviso, fare prevenzione mentre guidi? O che ti farebbe risparmiare molto tempo fare prevenzione in casa, mentre cucini, mentre lavi o mentre stiri?

Conosci ad esempio qual è l’oggetto di casa più pericoloso in assoluto che noi tutti possediamo? Ci hai mai pensati che anche in casa hai un killer che agisce silenziosamente a tua insaputa?

 

Fermati un attimo a pensare e rifletti: quale potrebbe essere l’oggetto più pericoloso che hai in casa?

Ti voglio aiutare: è un elettrodomestico…

Ti vedo ancora titubante…

No, non è il phon per capelli; quelli oramai sono tutti corretti con il salvavita che scatta in automatico a contatto con acqua (tu comunque fai lo stesso il bravo e non fare esperimenti indelicati!!).

 

Ti svelo l’arcano se non ci hai già pensato: il tuo elettrodomestico più pericoloso in assoluto è la tua lavatrice, così come la tua lavastoviglie!!!sì, esattamente!

E sai perché? Perché sono delle macchine con delle carcasse che lavorano sia con acqua che con la corrente elettrice, la tua lavatrice per funzionare ha bisogno di acqua e di elettricità, dunque un qualsiasi danno o guasto alla macchina potrebbe provocare dei danni molto più seri di un phon a contatto accidentale con acqua!

 

Pensi che io stia esagerando?

Lo so che anche tu che stai leggendo, se sei una persona umana, ti sarà capitato nella vita di stirare una camicia  scommetto anche che avrai riempito la vaschetta d’acqua mentre il tuo ferro da stiro era già attaccato alla presa di corrente, vero?

Facciamo degli errori sciocchi, presi dalla fretta e sicuri dell’esperienza che abbiamo alle spalle, che purtroppo determinano però tanti e gravi incidenti anche mortali.

 

Scivolare da una scala ad esempio, è l’incidente che si verifica di più nelle nostre case, perché magari non disponiamo di una scala adatta antisdrucciolevole, o perché saliamo sulla scala anche se soffriamo di vertigini, o perché saliamo sulla scala senza la presenza di alcuno che ce la mantenga. Pensiamo di riuscire a fare tutto noi e questo perdonami ma è frutto di un’arcaica ignoranza e retaggio culturale che ci portiamo dietro da diverse generazioni.

 

Nella tua casa.

E’ noto dall’esperienza che non è possibile combattere efficacemente un nemico di qualsiasi natura senza conoscerlo bene.

 E’ necessario, quindi, allo scopo di evitare un pericolo, una malattia una situazione drammatica, conoscere le cause e prevenirle con adeguate misure protettive ed opportuni comportamenti difensivi.

Tale esigenza, amplificata dalla casistica dei drammatici episodi incidentali che accompagnano l’evoluzione tecnologica, presenta connotazioni meritevoli di particolare attenzione quando si tratta dei pericoli presenti nelle abitazioni in cui viviamo.

 

L’ambiente domestico, infatti, a fronte del calore e della serenità che da esso giustamente pretendiamo quale meritato rifugio dalle ansie e dalle tensioni che caratterizzano il mondo esterno, purtroppo presentano sovente situazioni insidiose nelle quali anche il più comune oggetto, che ordinariamente ci accompagna per aiutarci a vivere meglio, può diventare improvvisamente causa banale di incidenti.

 

Tuttavia, se è vero che molti sono i pericoli nascosti in casa, è altrettanto vero che essi sono facilmente evitabili, purché ben conosciuti.

 

Ti è mai successo ad esempio che per qualche motivo, ad esempio durante un temporale o dei lavori, sia stata sospesa l’energia elettrica?

 

Se ti è capitato ti sarai certamente accorto di quanto l’elettricità sia importante: niente televisione né radio, niente videogame né frullati.Ci siamo ormai abituati a tutti i comfort che l’uso dell’energia elettrica consente, ma molto spesso non abbiamo abbastanza rispetto per il suo impiego e potremmo incorrere, non usandola nel modo corretto, in inutili rischi.

Sai cos’ è la scossa ?Toccando un filo elettrico in tensione o inserendo il dito o un oggetto in una presa, il corpo umano viene sottoposto al passaggio di una corrente elettrica che produce una sensazione dolorosa, se non addirittura la morte: è la scossa elettrica.Abbiamo compreso quale pericolo nasconda l’elettricità, ma, come già detto, dobbiamo soprattutto imparare ad usarla in modo corretto, senza correre alcun pericolo.

Come si fa?

 Non è difficile, basta utilizzare apparecchi elettrici “sicuri” e ricordare poche, ma importanti, regole di comportamento.

Vi daremo alcuni consigli per riconoscere gli apparecchi elettrici “sicuri” tra i tanti presenti sul mercato basta prendere confidenza con i simboli e gli elementi che ne accertano le caratteristiche di sicurezza.

Il simbolo dell’I.M.Q., l’istituto dei Marchio di Qualità, che si trova non solo sui materiali elettrici ma anche su quelli a gas, ed attesta che quel determinato prodotto ha superato tutta una serie di controlli finalizzati alla verifica della sua qualità e sicurezza. La marchiatura, differentemente da quanto avviene in altri paesi, non è obbligatoria, quindi è nostra responsabilità verificare che questo importante requisito di qualità e sicurezza sia presente nell’oggetto che stiamo acquistando.

L’interruttore differenziale, o “salvavita”, è uno strumento posto al l’inizio dell’impianto elettrico di un’abitazione ed interviene automaticamente, interrompendo la corrente elettrica dall’impianto, quando si verificano delle dispersioni dell’impianto stesso che possono essere causate da apparecchiature elettriche difettose o dal contatto accidentale dei corpo umano con un elemento in tensione.

 

Tra gli altri pericoli i più comuni secondo le statistiche sono:

 

  • Le scale sono un elemento molto pericoloso e si deve provvedere quindi usando il corrimano, maggiore illuminazione delle scale, lasciare liberi i gradini da oggetti, fare attenzione alle scale a pioli, ecc.

 

  • Il balcone è un altro luogo a rischio per i più piccoli. Gli elementi (sedie) a cui ci si puó arrampicare dovrebbero essere distanti da balconi e finestre; le candele orizzontali dei parapetti non dovrebbero essere tra loro distanti più di 10 cm.

 

  • Il pavimento, è infine la caduta più comune. Per diminuire le cadute occorre diminuire la cera dai pavimenti, applicare una rete abrasiva sotto il tappeto e fare attenzione agli zerbini.

 

 

Un incendio in casa

 

Come ci si comporta in casa per proteggersi dagli incendi

 

Per evitare incendi:

  • Disporre l’arredamento lontano da fonti di calore, cercando di non accumulare materiale in modo disordinato;
  • adottare i consigli proposti per evitare il rischio di fughe di gas e di cortocircuito, in quanto questi eventi sono in grado molto spesso di innescare un incendio;
  • non giocare mai con fiammiferi ed accendini. Se lo chiedi ai tuoi genitori saranno loro stessi ad insegnarti ad usarli ma fallo sempre in loro presenza sia in luoghi chiusi sia all’aperto, soprattutto nei boschi dove un semplice fiammifero potrebbe provocare un INCENDIO!